canyon exploring with Michele Angileri

Fosso delle Vaglie

Un interessante percorso torrentistico che si sviluppa in un vallone aperto e boscoso alle pendici dei Monti Simbruini, nella conca del fiume Simbrivio.

Nome Fosso delle Vaglie
Regione Lazio
Centro urbano pi¨ vicino Vallepietra
Dislivello 220 m
Sviluppo 600 m
Verticale massima 24 m
Roccia Calcare
DifficoltÓ2
Navetta No
Esplorazione Andrea Pucci, Stefano Gori; giugno 2019

 

Descrizione dettagliata: immettere il codice di accesso  
Cliccate qui per acquistare un codice di accesso
Cosa trovate nella descrizione dettagliata della gola

Ricordi

Dopo tre mesi passati a roderci il fegato tra casa e ufficio, il lockdown Ŕ finito. Da pochi giorni ci Ŕ consentito spostarci all'interno della regione e posso cosý riprendere a fare escursioni. Siccome per˛ a Zingaretti, presidente della Regione Lazio, questa libertÓ sembra eccessiva ecco che arriva un'ordinanza che limita gli spostamenti alla provincia di residenza.
Per fortuna la Provincia di Roma Ŕ grande e ha montagne e valli e canyon ...

Ho bisogno di tornare a respirare la natura, di vedere intorno a me spazi ampi e selvaggi, muovermi e faticare in mezzo alla bellezza, allontanarmi dal martellamento terrorizzato e monotematico a cui tutti siamo sottoposti ormai da mesi ... Il Fosso delle Vaglie sembra perfetto per tutto ci˛. L'ha esplorato Andrea l'anno scorso, assieme a un suo amico. Nel video che ha messo su internet si vedono passaggi torrentistici interessanti e uno splendido ambiente appenninico in una zona che non conosco. L'escursione non sembra particolarmente impegnativa, e questo va bene perchÚ in questi 3 mesi di arresti domiciliari ho certamente perso allenamento.

Il viaggio in macchina mi fa attraversare qualche paese. Vista dalla macchina la gente in giro a piedi mi sembra frastornata e spaventata. I panorami della valle dell'Aniene mandano via quella sensazione, ma non del tutto. Finalmente arrivo sul posto, mi cambio e inizio la salita. Presto sento la fatica, la sento tanto, troppo. Prendo atto che la forma fisica Ŕ andata a farsi benedire. Dovr˛ darmi da fare parecchio per recuperarla, ma il lavoro, lo so giÓ, non mi concederÓ abbastanza tempo libero ...
Inaspettatamente incrocio 3 escursionisti, un uomo e 2 donne, che scendono lungo il sentiero. Le donne portano al collo una mascherina e la tirano su appena si accorgono della mia presenza. Io mi tengo a un paio di metri di distanza mentre scambiamo due chiacchiere. Diversamente da me, loro si sono fermati a un bar in paese prima di fare l'escursione e pare che qualcuno abbia detto loro "non venite, ci portate il virus".

Ma ecco che inizia la discesa, e finalmente nella mia testa c'Ŕ posto solo per il torrente, per la bellezza, l'attenzione ai singoli movimenti e ai passaggi di roccia, l'attrezzamento delle calate, ...

L'escursione finisce e sono alla macchina che mangio un panino. Arriva un anziano contadino e ci mettiamo a chiacchierare, tenendoci a distanza ma senza ansie, serenamente.
La vita continua.

Copyright © 2002- Michele Angileri. All rights reserved.