canyon exploring with Michele Angileri

Canyon delle Timpe Rosse

A oriente i rilievi della Sila sfumano in una fascia di giovani colline di arenaria e conglomerato. Si tratta di rocce complessivamente tenere ma in grado di generare dirupi e balze praticamente ovunque. La morfologia di questa fascia collinare č dunque tormentata, al punto che le strade sono costrette a lunghi e tortuosi percorsi per unire paesi vicini in linea d'aria, e anche cosė non si riesce a trovare un percorso che sia al sicuro dalle frane che spesso cancellano tratti della sede stradale.
Il fascino di questi luoghi č grande e molto particolare.

Le tenere arenarie e i conglomerati vengono scavati facilmente dai corsi d'acqua, i quali riescono a disegnare alcune belle e strette forre come il Canyon delle Timpe Rosse. Il nome si deve al colore rosato dell'arenaria, composta da sabbia ricementata di granito rosa della Sila. Il canyon č di livello escursionistico, brevissimo, particolare nelle forme e nei colori.

Nome Canyon delle Timpe Rosse
Regione Calabria (Sila)
Centro urbano pių vicino Sellia Marina
Dislivello 30 m
Sviluppo 200 m
Verticale massima 0 m
Roccia Arenaria
Difficoltā0
Navetta No
Esplorazione ???

 

Descrizione dettagliata: immettere il codice di accesso  
Cliccate qui per acquistare un codice di accesso
Cosa trovate nella descrizione dettagliata della gola

Ricordi

Non fu facile trovare il sentiero di accesso. Quando ci riuscimmo scoprimmo che si trattava di un sentiero turistico, realizzato appositamente per la visita del canyon, con balaustre e gradini in legno, ma che tutto era in rovina. I cespugli avevano cancellato alcuni punti del sentiero, l'erosione aveva facilmente portato via gradini e balaustre, creando buche profonde.
Alla realizzazione del sentiero non č seguita, evidentemente, una politica di promozione e fruizione turistica. Cosė questo interessante monumento naturale č in poco tempo tornato all'oblio in cui si era trovato da sempre, un gioiellino teoricamente alla portata di tutti ma oggi di fatto prerogativa di pochi appassionati.

Copyright © 2002- Michele Angileri. All rights reserved.