cookieless, no-ads, no threats canyon exploring with
Michele Angileri

Fosso di San Simeone

Vicino la cittÓ di Terni, nella parte pi¨ settentrionale della catena dei Monti Sabini, troviamo il Fosso di San Simeone. Non ha nome su IGM, e lo chiamo cosý per via dell'antico convento di San Simeone, edificato sul versante destro della valle. La gola di San Simeone, normalmente priva di scorrimento idrico, presenta numerose cascate e tratti inforrati. La valle Ŕ avvolta da leccete e macchia mediterranea, in un paesaggio tipicamente sabino.

Nome Fosso di San Simeone
Regione Umbria, Monti Sabini
Centro urbano pi¨ vicino Stroncone (Terni)
Dislivello 160 m
Sviluppo 1000 m
Verticale massima 26 m
Roccia calcare
DifficoltÓ4
Navetta No
Esplorazione G.S. Stroncone; 1995

 

Descrizione dettagliata: immettere il codice di accesso  
Cliccate qui per acquistare un codice di accesso
Cosa trovate nella descrizione dettagliata della gola

Ricordi

I vecchi cordini e gli spit arrugginiti testimoniavano senza ombra di dubbio che la gola era stata giÓ percorsa in passato, pi¨ di una volta. Diversamente per˛ da quanto accaduto per altre gole della zona (quantunque pi¨ brevi, pi¨ facili e meno interessanti) la notizia di questo itinerario non si era diffusa: era rimasta nota soltanto alla ristretta cerchia degli esploratori. Per noi dunque quella era a tutti gli effetti un'esplorazione, in cui dovemmo rifare gran parte degli ancoraggi, resi inaffidabili dallo scorrere del tempo.

Nell'ultima parte della gola, poi, non c'erano ancoraggi: gli esploratori erano evidentemente usciti prima, attraverso il sentiero che conduce al vicinissimo monastero di San Simeone, trascurando l'ultimo tratto della gola.

Copyright © 2002- Michele Angileri. All rights reserved.