canyon exploring with Michele Angileri

Fosso di San Simeone

Vicino la città di Terni, nella parte più settentrionale della catena dei Monti Sabini, troviamo il Fosso di San Simeone. Non ha nome su IGM, e lo chiamo così per via dell'antico convento di San Simeone, edificato sul versante destro della valle. La gola di San Simeone, normalmente priva di scorrimento idrico, presenta numerose cascate e tratti inforrati. La valle è avvolta da leccete e macchia mediterranea, in un paesaggio tipicamente sabino.

Nome Fosso di San Simeone
Regione Umbria, Monti Sabini
Centro urbano più vicino Stroncone (Terni)
Dislivello 160 m
Sviluppo 1000 m
Verticale massima 26 m
Roccia calcare
Difficoltà4
Navetta No
Esplorazione G.S. Stroncone; 1995

 

Descrizione dettagliata: immettere il codice di accesso  
Cliccate qui per acquistare un codice di accesso
Cosa trovate nella descrizione dettagliata della gola

Ricordi

I vecchi cordini e gli spit arrugginiti testimoniavano senza ombra di dubbio che la gola era stata già percorsa in passato, più di una volta. Diversamente però da quanto accaduto per altre gole della zona (quantunque più brevi, più facili e meno interessanti) la notizia di questo itinerario non si era diffusa: era rimasta nota soltanto alla ristretta cerchia degli esploratori. Per noi dunque quella era a tutti gli effetti un'esplorazione, in cui dovemmo rifare gran parte degli ancoraggi, resi inaffidabili dallo scorrere del tempo.

Nell'ultima parte della gola, poi, non c'erano ancoraggi: gli esploratori erano evidentemente usciti prima, attraverso il sentiero che conduce al vicinissimo monastero di San Simeone, trascurando l'ultimo tratto della gola.

Copyright © 2002- Michele Angileri. All rights reserved.