canyon exploring with Michele Angileri

Fosso di Santopadre (Rio Armucci)

Le dolci colline su cui sorgono i paesi di Arpino e Santopadre, coperte da giardini e uliveti, regalano panorami assai simili a quelli delle colline Umbre. E anche qui, come in Umbria, tra paesi, fattorie e campi baciati dal sole, non ti aspetteresti di trovare una forra. Men che mai una forra stretta e acquatica ...

Ma invece, sorprendentemente, c'Ŕ.
╚ la forra del Rio Armucci, anche noto come Fosso di Santopadre. Con gli anni Ŕ divenuto un itinerario classico dell'Italia Centrale, ricco di divertimento, di acqua smeraldina, di cascate tuffabili. Ricco di bellezza, di travertini, di vasche inforrate, avvolto da una magnifica vegetazione mediterranea. E, tutto sommato, povero di difficoltÓ, cosý da permetterci di godere della bellezza del luogo senza essere distratti dalla preoccupazione, dai pericoli o da chissÓ quali manovre tecniche.

Nome Fosso di Santopadre (Rio Armucci)
Regione Lazio
Centro urbano pi¨ vicino Santopadre (FR)
Dislivello 200 m
Sviluppo 1500 m
Verticale massima 20 m
Roccia calcare
DifficoltÓ4 (primavera)
Navetta Raccomandata, ma non indispensabile.
Esplorazione Michele Angileri; 14 giugno 1992

 

Descrizione dettagliata: immettere il codice di accesso  
Cliccate qui per acquistare un codice di accesso
Cosa trovate nella descrizione dettagliata della gola

Ricordi

In quel periodo lavoravo alla tesi di laurea, e avevo la brutta abitudine di lavorare fino a tardi la sera, all'universitÓ ... Quella sera esagerai, decisamente, lavorando tutta la notte. Avevo giÓ deciso che il giorno dopo sarei andato ad esplorare la gola di Santopadre, e cosý all'alba tornai a casa, preparai lo zaino e partii in motocicletta.
Giunto sul posto la discesa inizi˛ bene, si svilupp˛ senza problemi ma sentivo la stanchezza farsi sempre pi¨ forte ... A un certo punto sentii che ero troppo stanco per continuare, e mi sdraiai a dormire. Non dormii ma quel po' di riposo mi tiro' su abbastanza da permettermi di finire la gola.

Il brutto venne nel viaggio di ritorno ... non credevo possibile un colpo di sonno in motocicletta, ma in autostrada mi prese proprio un colpo di sonno mentre guidavo, e mi ritrovai a puntare sul guard-rail senza sapere come. Mi ripresi giusto in tempo.

Copyright © 2002- Michele Angileri. All rights reserved.