canyon exploring with Michele Angileri

Fosso Migliari

Nei paesaggi dolci, aperti e silenziosi delle colline umbre si nascondono torrenti che, dove le colline sono fatte di arenaria e flysch, hanno acqua tutto l'anno. Nonostante i valloni che li ospitano siano pi¨ profondi, selvaggi e contorti di quanto ci si aspetterebbe, essi non sono ripidi. Al torrentista essi offrono, pertanto, itinerari d'ambiente, poco pi¨ che escursionistici.

Al Fosso Migliari l'ambiente Ŕ bello e spettacolare.

Nome Fosso Migliari
Regione Umbria
Centro urbano pi¨ vicino Parrano
Dislivello 35 m
Sviluppo 1400 m
Verticale massima 6 m
Roccia Flysch
DifficoltÓ1
Navetta No
Esplorazione Prima discesa in stile torrentistico: Michele Angileri; 19 maggio 2018

 

Descrizione dettagliata: immettere il codice di accesso  
Cliccate qui per acquistare un codice di accesso
Cosa trovate nella descrizione dettagliata della gola

Ricordi

Le colline umbre, puntellate di borghi silenziosi e antichi casali, sono ricoperte da campi coltivati ma anche da boschi mediterranei ridivenuti selvaggi a causa dell'abbandono delle attivitÓ agro-pastorali avvenuto negli ultimi decenni, boschi che possono essere ripidi, fitti e spinosi. La vegetazione nasconde i pochi punti di riferimento esistenti, e i profondi e contorti valloni che dividono le colline confondono l'escursionista portandolo facilmente fuori rotta. Quando dopo aver girovagato per un'ora o due in mezzo a una qualche ripida giungla mediterranea si riesce finalmente a trovare una carrareccia e la si segue nella convinzione che porterÓ da qualche parte, si pu˛ finire molto lontano da dove si voleva arrivare.

Non parlo per ipotesi: a me Ŕ capitato, pi¨ volte, perfino avendo con me il GPS. Ed Ŕ capitato anche finita la discesa esplorativa del Fosso Migliari: in teoria sapevo da dove uscire, ma nel tentativo di trovare un passaggio pi¨ comodo sono finito lo stesso molto lontano dalla macchina.

╚ stata una bella avventura: a me piace perdermi nella natura per poi ritrovare la strada.
A voi piace?

Copyright © 2002- Michele Angileri. All rights reserved.