canyon exploring with Michele Angileri

Valle Scura

La parte meridionale del Parco Nazionale del Pollino comprende una catena montuosa calcarea nota come Dorsale del Pellegrino o anche Monti di Orsomarso. I monti sono letteralmente affacciati sul mar Tirreno, con lo spartiacque parallelo alla costa. Sono ricchi d'acqua, che sgorga copiosa dalle sorgenti carsiche (molte delle quali sono captate) e sono ricoperti da una vegetazione lussureggiante. Alcuni dei luoghi più selvaggi dell'intero appennino si trovano qui, su queste montagne affacciate sul mare.

Le fitte foreste ricoprono le valli impedendo di scorgere quei segni caratteristici che segnalano l'esistenza di un canyon. Così la maestosa forra di Valle Scura risulta completamente invisibile da qualunque punto si guardi la montagna. Scoperta e attrezzata nel corso di una sistematica campagna esplorativa ad opera di torrentisti del G.S. "Ndronico" di Lecce, la gola di Valle Scura è oggi un bel percorso di torrentismo ancora poco conosciuto, ma che ha le caratteristiche giuste per farsi apprezzare.

Nome Valle Scura
Regione Calabria, Pollino
Centro urbano più vicino San Donato di Ninea
Dislivello 160 m
Sviluppo 1 km
Verticale massima 16 m
Roccia Calcare
Difficoltà2 (estate)
Navetta No
Esplorazione F. Catalano, F. Meleleo, S. Rossi; estate 2005

 

Descrizione dettagliata: immettere il codice di accesso  
Cliccate qui per acquistare un codice di accesso
Cosa trovate nella descrizione dettagliata della gola

Ricordi

C'è un periodo dell'anno in cui i numerosi tafani di questa zona diventano famelici, e ti circondano come una nuvola cercando di appoggiarsi e mordere dappertutto. Questo va grosso modo dalla seconda metà di agosto alla prima metà di settembre.
Ovviamente noi siamo qui in questo periodo, e forse questo è il "giorno del banchetto", perché i tafani sono tutti qui, attorno a noi, famelici. Davvero non ci danno tregua, neppure nella gola! Rimpiango di non indossare una muta intera (che oltretutto mi avrebbe riparato assai meglio dal freddo dell'acqua sorgiva).

Non ci resta altro da fare che muoverci in continuazione, in una sorta di danza grottesca, nel tenativo di fermare gli assalti dei tafani.

Video by Michele Angileri e Andrea Pucci

Copyright © 2002- Michele Angileri. All rights reserved.