cookieless, no-ads, no threats canyon exploring with
Michele Angileri

Gole di San Venanzio

Dalla Valle Subequana il fiume Aterno scende alla Valle Peligna attraversando le imponenti Gole di San Venanzio, delimitate da pareti inaccessibili e boschi pensili. L'inaccessibilitÓ non ha per˛ impedito all'Uomo di frequentare questi luoghi fin da tempi antichissimi. Le pitture rupestri sulle pareti della gola testimoniano la frequentazione preistorica, mentre i tratti di strada scavati nelle pareti si devono ai Peligni e ai Romani, che all'interno delle pareti scolpirono l'incredibile acquedotto delle ┘ccole, che per millenni e fino a pochi decenni fa ha portato a Raiano l'acqua delle sorgenti di Molina.
Le grotte sui versanti delle Gole furono considerate per millenni luoghi ideali per la meditazione e l'eremitaggio. San Venanzio di Camerino soggiorn˛ in alcune nicchie vicinissime al fiume assieme al suo maestro Porfirio nel III secolo, nel luogo dove secoli dopo una chiesa a lui dedicata fu edificata su un arco che scavalca la gola del Fiume Aterno in uno dei suoi punti pi¨ stretti. Da quel momento le Gole dell'Aterno si chiamano cosý, Gole di San Venanzio.

La straordinaria ricchezza storica di questi luoghi si aggiunge alle forme altrettanto straordinarie scolpite dal fiume, alla bellezza dei boschi e delle pareti e, perchÚ no?, alla frescura del fiume e alla piacevole fatica di una discesa torrentistica che nella stagione giusta Ŕ relativamente semplice.

Nome Gole di San Venanzio
Regione Abruzzo
Centro urbano pi¨ vicino Raiano
Dislivello 95 m
Sviluppo 2300 m
Verticale massima 10 m
Roccia Calcare
DifficoltÓ4
Navetta Possibile
Esplorazione Prima discesa integrale in stile torrentistico: Michele Angileri; 26 settembre 2021

 

Descrizione dettagliata: immettere il codice di accesso  
Cliccate qui per acquistare un codice di accesso
Cosa trovate nella descrizione dettagliata della gola

Ricordi

In inverno e primavera le Gole di San Venanzio costituiscono un difficile itinerario di canoa fluviale, con strette rapide, sifoni, complessi trasbordi ... A dirla tutta, percorrendolo a piedi l'ho trovato troppo accidentato per una discesa in canoa, ma evidentemente la bellezza delle Gole Ŕ stata sufficiente a motivare i canoisti a percorrere tutto il tratto che va dal ponte della Tiburtina-Valeria a quello della strada Raiano-Vittorito.
Sotto quest'ultimo ponte, per˛, c'Ŕ un ultimo spettacolare tratto inforrato introdotto da una cascata impraticabile con le canoe ...

Copyright © 2002- Michele Angileri. All rights reserved.