canyon exploring with Michele Angileri

Fosso Scandrigliesi

La gola del Fosso Scandrigliesi scende, invisibile da qualunque punto si guardi, dal versante orientale dei Monti Ruffi. La vegetazione e la prospettiva la nascondono così bene che è praticamente impossibile accorgersi dell'esistenza di una valle in quel punto. L'unica possibilità per vederla è capitarci per caso.

Ma una volta che capitati in quel greto di rocce levigate dalle piene si intuisce che deve per forza avere cascate e gole.

Nome Fosso Scandrigliesi
Regione Lazio, Valle dell'Aniene
Centro urbano più vicino Marano Equo
Dislivello 360 m
Sviluppo 1800 m
Verticale massima 19 m
Roccia Calcare, arenaria
Difficoltà3
Navetta Possibile
Esplorazione Michele Angileri; 29 marzo 2017

 

Descrizione dettagliata: immettere il codice di accesso  
Cliccate qui per acquistare un codice di accesso
Cosa trovate nella descrizione dettagliata della gola

Ricordi

Esplorare forre significa ovviamente trovare, vedere, provare qualcosa di nuovo. Quella volta la novità principale fu la roccia: un'arenaria dall'aspetto molto simile a quella della Laga ma con proprietà meccaniche sostanzialmente diverse. Questa sembra più adatta alla formazione di gole e marmitte, forse perché, rispetto alla Laga, è più "plastica". Nei tratti di gola tocca chiodare, perché non ci sono alberi a portata di corda.
Tirato fuori il trapano constato che la velocità di perforazione è la stessa del calcare. Arrivato a 6-7 cm di profondità, però, la punta rimane "incollata" al foro, tanto che bisogna forzare un po' per estrarla e pulire il foro. A mettere un fix non ci provo nemmeno: uso direttamente i multi-monti. Per avvitarli uso una chiave a tubo ad "elle", iniziando col multi-monti inserito nel lato lungo della elle e constatando che si avvita con estrema facilità, praticamente senza sforzo, e quasi riuscirei ad avvitare il multi-monti senza chiave. Giunto alla fine inserisco la testa del multi-monti nel lato corto della elle, per serrare facendo più leva ma ... niente: una volta giunta alla fine la vite è serrata.
Non so se è chiaro: si avvita senza sforzo e giunti alla fine non si può serrare ... Viene da chiedersi che tenuta può assicurare un ancoraggio inserito in questo tipo di roccia, ma se sono qui a raccontarlo significa che è stata sufficiente.

Copyright © 2002- Michele Angileri. All rights reserved.