canyon exploring with Michele Angileri

Forra di Prodo

Le colline tra Orvieto e Todi, ammantate di boschi, macchia mediterranea e campi, punteggiate di villaggi e castelli, nascondono un gioiello fatto di vasche smeraldine incastonate nella bianca roccia calcarea o in fondo a stretti e oscuri meandri di roccia.
È la Forra di Prodo (nota anche col nome di Fosso Campione), straordinaria, bellissima, oggi molto conosciuta e frequentata.

Nome Forra di Prodo
Regione Umbria
Centro urbano più vicino Prodo
Dislivello 130 m
Sviluppo 700 m
Verticale massima 16 m
Roccia Calcare
Difficoltà4
Navetta No
Esplorazione Gruppo Speleologico ARCI Todi; primi anni '80

 

Descrizione dettagliata: immettere il codice di accesso  
Cliccate qui per acquistare un codice di accesso
Cosa trovate nella descrizione dettagliata della gola

Ricordi

Ho percorso la Forra di Prodo tante volte ...
Ricordo la prima volta che ci andai, all'inizio dell'estate del 1991. A quell'epoca il torrentismo era quasi sconosciuto, e la forra era stata percorsa poche volte. Gli armi nella prima parte erano arrugginiti, inservibili, e dovetti chiodare a mano 5 calate. Dalla confluenza col Fosso Salcini gli armi invece c'erano, nuovi, robusti inviolabili.
Poi, negli anni, ci tornai, talvolta in compagnia, altre da solo. È un'eccezione per me: sempre preso dalla ricerca ed esplorazione di forre sconosciute torno raramente in una gola che ho percorso, ma Prodo è Prodo!

L'ultima volta fu ad aprile del 2016. In quell'occasione volli togliermi la curiosità di vedere come fosse la parte di torrente a valle della forra, verso il lago di Corbara. Percorsi così un tratto di 1 km a valle del sentiero di uscita, incontrando altre splendide vasche smeraldine, qualche tuffo e una piacevole passeggiata in un ambiente assolutamente solitario.
Il secondo video mostra questo ulteriore, sconosciuto tratto della gola di Prodo.

Copyright © 2002- Michele Angileri. All rights reserved.