canyon exploring with Michele Angileri

Gole del Melfa

Nato dai Monti della Meta, il fiume Melfa raggiunge la valle del Liri attraverso un lungo e stretto passaggio tra il Monte Cairo e le colline di Arpino: sono le splendide Gole del Melfa, uno spettacolo di rocce, boschi, macchia mediterranea e acqua smeraldina, classificate come "sito di importanza comunitaria". In condizioni invernali esse costituiscono un magnifico itinerario di canoa fluviale, con alcuni passaggi impegnativi e pericolosi. Quando la portata diminuisce diventa possibile percorrerle anche a piedi e cosý ne viene fuori un grazioso itinerario di torrentismo fluviale.

Nome Gole del Melfa
Regione Lazio, Ciociaria
Centro urbano pi¨ vicino Roccasecca
Dislivello 40 m
Sviluppo 2,5 - 5 km
Verticale massima 0 m
Roccia Calcare
DifficoltÓ2-3
Navetta Possibile
Esplorazione ???

 

Descrizione dettagliata: immettere il codice di accesso  
Cliccate qui per acquistare un codice di accesso
Cosa trovate nella descrizione dettagliata della gola

Ricordi

L'Uomo non ha avuto nei confronti della splendida valle del Melfa il rispetto che si deve a un luogo di grande pregio ambientale. L'acqua del Melfa viene infatti fermata ai piedi dell'Appennino, nel bacino artificiale di Grotta Campanaro, e da questo viene inviata alla centrale idroelettrica di Cassino, con una galleria lunga 14 km. La diga non effettua per˛ il rilascio del "minimo vitale" per il fiume Melfa, e cosý quello che dovrebbe essere un corso d'acqua perenne finisce tristemente in secca per metÓ dell'anno.

Un'altra ferita era stata inferta dall'Uomo nel paesaggio delle Gole nella seconda metÓ dell'ottocento: il Tracciolino, la strada delle Gole del Melfa, che collega Roccasecca a Casalvieri tenendosi a 30-40 di metri di altezza rispetto al fondo delle gole. Non si tratta in veritÓ di un'opera di alto impatto ambientale: Ŕ una strada stretta, tortuosa e oggi chiusa al traffico, percorribile solo a piedi o in bicicletta, con magnifiche vedute sulle Gole e con opere murarie rigorosamente in pietra locale.

Copyright © 2002- Michele Angileri. All rights reserved.