canyon exploring with Michele Angileri

Fosso delle Zolferate - parte alta

Situata sul fianco del calcareo Monte Labbro, la valle delle Zolferate deve il suo nome alle sorgenti di solfuro di idrogeno, il gas tossico che odora di uova marce frequente nelle zone geotermiche e vulcaniche. In effetti qui siamo alla periferia del distretto vulcanico di Monte Amiata. Alla testata della valle delle Zolferate non ci sono soltanto le emissioni di gas ma anche gli ingressi, oggi murati, di una delle tante miniere di cinabro del Monte Amiata, in attività fino agli anni '30 del secolo scorso.

La complessit├á geologica della zona diviene evidente scendendo lungo la valle delle Zolferate. La bianca roccia calcarea lascia il posto a rocce dall'insolito colore rosa, inframmezzate da flysch multicolore. Alcuni gradini di roccia in fondo a una gola boscosa e profonde vasche di acqua smeraldina rendono l'ambiente, gi├á di per s├ę particolare e molto bello, interessante sotto il profilo torrentistico.

Nome Fosso delle Zolferate - parte alta
Regione Toscana
Centro urbano pi¨ vicino Semproniano
Dislivello 90 m
Sviluppo 750 m
Verticale massima 20 m
Roccia Calcare rosa
DifficoltÓ3
Navetta No
Esplorazione Michele Angileri; 18 ottobre 2020

 

Descrizione dettagliata: immettere il codice di accesso  
Cliccate qui per acquistare un codice di accesso
Cosa trovate nella descrizione dettagliata della gola

Ricordi

A vederlo sulle immagini satellitari il Fosso delle Zolferate non sembrava avere chissÓ quale interesse torrentistico: un vallone molto lungo e poco ripido.
Anche dal vivo la sensazione era quella. Un giorno che ero in zona, per˛, mi avanzava del tempo e decisi di impiegarlo risalendo la valle per un tratto.
Fui subito conquistato dalla particolaritÓ della roccia, dal suo bellissimo colore rosa antico. Arrivato sull'orlo della grande pozza verde alla base di una splendida cascata mi resi conto che il Fosso delle Zolferate meritava una discesa in stile torrentistico.
Bisognava per˛ capire da dove cominciare, quindi un altro giorno mi recai alla testata della valle, attraverso la campagna deserta e in parte rinselvatichita. C'erano opere in cemento, tralicci, evidenti resti di miniere lÝ proprio dove l'odore di solfuro di idrogeno era pi¨ forte. Un tempo qui c'era andirivieni di gente e mezzi meccanici, ora silenzio, odore di zolfo, vegetazione fitta attraverso cui trovare la strada per il torrente e poi per tornare su.
La pace e l'avventura.

Copyright © 2002- Michele Angileri. All rights reserved.