Indemus.com: sell your artwork in digital format, on the internet

canyon exploring with Michele Angileri

Fosso di Iaccio Piano

Ai confini tra il Lazio e l'Abruzzo il massiccio dei Monti della Laga costituisce una interessante particolarità geologica. È composto da potenti bancate di pietra arenaria, poggiate su strati di marne. Gli strati sono immersi a est, per cui il versante laziale risulta più ripido e roccioso di quello abruzzese. Le vette superano abbondantemente i 2000 metri. La posizione a est del massiccio, unita all'altezza delle cime, garantisce un clima invernale rigido e caratterizzato da abbondanti nevicate.

I Monti della Laga sono ricchi d'acqua, sia perché le precipitazioni sono abbondanti, sia per la natura impermeabile dell'arenaria. Così il paesaggio della Laga è caratterizzato da un gran numero di ruscelli che precipitano verso valle formando spettacolari cascate. D'inverno queste sono terreno di gioco per gli ice-climbers. D'estate nelle valli più aspre è possibile effettuare discese torrentistiche interessanti, particolari e impegnative in ragione dei dislivelli, della lunghezza degli itinerari di accesso, della presenza di nevai fino all'inizio dell'estate, della bassa temperatura dovuta alla quota.

Osservando il versante occidentale del massiccio della Laga non si mancherà di notare a sinistra (nord) l'elegante alta piramide del Pizzo di Sevo, e poco più a destra la tozza, rocciosa e imponente Cima Lepri. Sono due delle più belle e caratteristiche cime della Laga! Il valico che le separa si chiama Vado di Annibale, perché l'affascinante sentiero che vi ci porta percorre una cengia che è una sorta di larga strada naturale, che sembra tracciata per animali grandi e mitici come gli elefanti che accompagnavano Annibale nella sua campagna militare in Italia.

Ad ovest del Vado si originano alcuni torrenti che scendono ripidi verso la valle del Tronto, percorrendo le placche di arenaria con le tipiche cascate di alta quota della Laga. Tra questi il principale è il Fosso di Iaccio Piano, la cui discesa è una magnifica escursione attraverso una eccezionale serie di cascate. Un percorso impegnativo, continuo, indimenticabile.

Nome Fosso di Iaccio Piano
Regione Lazio, Monti della Laga
Centro urbano più vicino Amatrice
Quota ingresso alveo 1900 m
Quota uscita alveo 1350 m
Sviluppo 2 km
Verticale massima 60 m
Roccia Arenaria
Difficoltà5
Navetta No.
Esplorazione Michele Angileri, Andrea Pucci; 16 settembre 2007.

 

Descrizione dettagliata: immettere il codice di accesso  
Cliccate qui per acquistare un codice di accesso
Cosa trovate nella descrizione dettagliata della gola

Ricordi

La calza della corda era uscita pesantemente intaccata dal malefico salto finale del Canale Mancosa. Le calate di Iaccio Piano finirono il lavoro, e così una volta sceso il salto più alto (che sapevamo essere lí, in quel punto preciso) non potemmo ulteriormente rimandare il taglio della corda.

Ma inaspettatamente, più avanti ci attendeva un'altra cascata molto alta. Pensammo che la corda non sarebbe bastata ...

La corda bastò. Appena sufficiente.

Nelle fotografie di questo sito web compaiono le corde ultrasottili (corde da 6 mm di diametro realizzate in fibre ad alta tenacità). Leggete il libro multimediale Torrentismo con corde ultrasottili per scoprirne le potenzialità ed apprenderne le tecniche di utilizzo.

Copyright © 2002- Michele Angileri. All rights reserved.