canyon exploring with Michele Angileri

Torrente CÓllora - ramo destro (Fosso del Torrone)

Le grandi vasche verdi e le cascate vigorose (nella stagione giusta) del torrente CÓllora si trovano a due passi dalle case di Roccamandolfi, in fondo a una gola a tratti ampia e solare, a tratti inforrata.

La parte alta del torrente si compone di due rami, di cui il principale Ŕ quello alla sinistra orografica. Il ramo destro, per˛, Ŕ pi¨ vicino al paese, essendo situato ai piedi della rupe su cui sorge il castello di Roccamandolfi. La facilitÓ di accesso ha reso questa parte del torrente la pi¨ frequentata, anzi l'unica parte frequentata del complesso delle gole del CÓllora. La bellezza dell'itinerario e la facilitÓ degli accessi ha fatto sý che il ramo destro del CÓllora diventasse una classica del torrentismo in Italia centrale.
In veritÓ, per˛, le grandi vasche e le cascate potenti che hanno reso celebre la gola del CÓllora si trovano nel tratto a valle della confluenza dei due rami. La bella forra del ramo destro Ŕ infatti solitamente asciutta.

Nome Torrente CÓllora - ramo destro (Fosso del Torrone)
Regione Molise, Monti del Matese
Centro urbano pi¨ vicino Roccamandolfi
Dislivello 140 m
Sviluppo 900 m
Verticale massima 10 m
Roccia Calcare
DifficoltÓ5
Navetta Possibile
Esplorazione G. Antonini, P. Santinelli, S. Mariani, S. Carnevali; 20 agosto 1999

 

Descrizione dettagliata: immettere il codice di accesso  
Cliccate qui per acquistare un codice di accesso
Cosa trovate nella descrizione dettagliata della gola

Ricordi

Capitai sul ponte di Roccamandolfi un 31 ottobre, nel corso di una breve vacanza con mia moglie. Non fu un caso, no: sapevo della gola del CÓllora e volevo dare un'occhiata da vicino. Fu amore a prima vista, col paesaggio e le belle forme del torrente (viste dal ponte) che mi ricordavano le amate gole della valle del Melfa. La mia attivitÓ comprende poche ripetizioni di itinerari conosciuti, ma quella gola si, la volevo assolutamente percorrere.
Anche il paese ci piacque molto, col paesaggio sui monti del Matese e sulla valle che scompariva col sopraggiungere della notte, con le case e i vicoli in pietra illuminati anche dai lumini dentro le zucche di Halloween, col silenzio e la serenitÓ.

Quando un paio d'anni dopo l'amico Giorgio mi propose di andare al CÓllora accolsi la proposta con grande piacere!

Foto e video by Michele Angileri e Giorgio Ecker

Copyright © 2002- Michele Angileri. All rights reserved.